Io e Grifonissima ci siamo detti…

mag 18, 2012   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Facciamola breve, io amo questa gara e questa gara – piuttosto dura – ama me.

Mi ha esaltato e mi ha detto “ragazzo, corri veloce!” quando vinsi all’esordio nel 2006 facendo secchi atleti più blasonati.

Mi fece dire “però, corro veloce!” quando vinsi con record nel 2008 mettendo in riga anche forti stranieri.

Mi fece desiderare un ritorno vittorioso con gli argenti del 2007 e del 2009.

Non mi tolse la voglia di tornare nel 2010 quando finii gambe all’aria in una caduta e nel 2011 quando ero lontanissimo anche dalla semplice idea di “atleta in forma”…

Vittoria per distacco!Tris, vittoria numero tre. Non vado velocissimo, ma è bastato per il gradino più alto del podio. Stavolta nessuna esaltazione o delusione. Ma io e la Grifonissima ci siamo scambiati due parole anche quest’anno, per dirci e dire a tutti quanto è bello ritrovarsi in Corso Vannucci la seconda domenica di maggio di ogni anno. Dove risiede il fascino di questa gara?

È una competizione prestigiosa con un albo d’oro di tutto rispetto nella quale il podista si può confrontare con Atleti con la “A” maiuscola.

È un percorso impegnativo che richiede capacità d’interpretare il tracciato e di gestire le proprie forze. Per chi non è bravissimo nel dosare lo sforzo, è una scuola di corsa!

È una passeggiata colorata per migliaia di persone, migliaia di ragazzini delle scuole e tanti simpatici animali domestici a quattro zampe e scodinzolanti.

È una festa musicale nello stadio Santa Giuliana gremito, dove si balla e si applaudono gli atleti competitivi all’arrivo.

È una mattinata sul prato, una specie di “Urban Picnic” da guinness dei primati!

Sono alcune ore trascorse in un’atmosfera serena: dal più veloce dei competitivi al campione dei CUS fino al lumacone che percorre il tracciato della non competitiva con tanto di soste caffé… tutti nella stessa barca, tutti nell’arena del Santa Giuliana!

Domenica scorsa Grifonissima mi ha detto “bentornato sulle mie strade, mi aspetto il meglio da te” e io ho replicato ricordandole che “non potevo non tornare, è qui che raccolgo il meglio di me e lo metto a disposizione delle mie gambe”.

Il podio!

Una nota speciale per i ragazzi del podio maschile: con me sono saliti al secondo posto Salvatore Calderone, campione europeo master di mezza maratona e per la prima volta a medaglia nella Grifonissima dopo tante partecipazioni con la maglia del CUS Torino. Bravo Salvatore, forte corridore, avversario sempre leale e amico sempre capace di consigli sensati! Terzo e miglior umbro il tifernate Andrea Lucchetti, a dispetto dei 36 anni nome nuovo del nostro mezzofondo: bravo perchè coraggioso. Non ha vinto ma ha provato a mettere il naso davanti e a portare a casa il risultato pieno: è l’atteggiamento giusto, quello del mettersi in discussione!

Podio femminile molto qualificato con la forestale Silvia La Barbera a vincere e convincere con un notevole crono di 42’07”. Silvia batte sul campo forti avversarie come l’etiope Abera Fisseha e la plurimedagliata triatleta Elena Maria Petrini (giovanissima ma già un oro mondiale junior e un bronzo continentale all’attivo), in una gara qualificatissima con campionesse del calibro di Simona Viola (maratoneta da 2h33′ e molte maglie azzurre sulle spalle) e Francesca Dottori (vincitrice nel 2011) fuori dalle medaglie.

Chissà quanti chilometri, a occhio e croce dovrei aver passato quota 80.000! Sono ormai nel 20° anno di attività, due terzi della mia vita passati in corsa. Io e la corsa non ci siamo mai traditi. Io e la Grifonissima nemmeno.Ho portato con me Amani for Africa (www.amaniforafrica.org) sul podio. E anche questa è una piccola soddisfazione in attesa di Grifonissima numero 33!

Leave a comment

Quote #8

I like running because it's a challenge. If you run hard, there's the pain -and you've got to work your way through the pain. You know, lately it seems all you hear is 'Don't overdo it' and 'Don't push yourself.' Well, I think that's a lot of bull. If you push the human body, it will respond. (Bob Clarke)