One like No-One: una staffetta per Giulia

set 26, 2012   //   by admin   //   Blog  //  1 Comment

Tutte le volte che esco a correre mi racconto una bugia. Mi dico che corro per me stesso, che son le mie gambe e nient’altro che mi portano a centrare o mancare un obiettivo. Mi racconto la favola della corsa come sport solitario e individuale.Ma è un inganno: ogni runner ha la sua storia molto “singolare” ma ogni corsa non è un esercizio ascetico nel vuoto ambientale e di pensiero.

Giulia CeresetoNon siamo mai soli. Ci accompagnano le persone. Ci accompagnano i pensieri. Scegliamo di accompagnarci a pensieri sulle persone.Ci sono il concetto e il desiderio di compagnia. Abbiamo o vogliamo avere qualcuno accanto, qualcuno che amiamo. A volte la persona che più amiamo non può stringerci la mano ma è lì – angioletto filmico – ad affollare i nostri pensieri ed a tenerci la mano nel cammino della vita…

Per qualcuno c’è sempre Giulia: Giulia Cereseto cui il GSC Sant’Olcese dedica una bella staffetta per il 2° memorial. Giulia è il pensiero di mamma Stefania e papà Franco… io voglio rendere omaggio a una bella iniziativa degli amici di Sant’Olcese e invito tutti a diffondere questo mio pezzo e soprattutto ad aderire alla staffetta con una squadra e con tanto entusiasmo… ma di Giulia lascio che siano le parole dei genitori a parlare:

Giulia aveva 4 anni e mezzo, una gran voglia di vivere, giocare e sorridere ad ogni novità. Non conosceva l’odio, l’invidia e l’egoismo. Il 23 dicembre 2009, dopo una visita per un banale disturbo agli occhi ed uno stato di leggero malessere generale, le hanno diagnosticato una delle forme più aggressive di tumore: glioma intrinseco infiltrante diffuso al tronco encefalico. Il male era in stato così avanzato che non è stato possibile alcun intervento chirurgico né cura di sorta. Ha lottato per vivere, sofferto, pianto ma ha anche tanto amato e sorriso nei mesi di malattia. E’ nata al cielo il 5 aprile 2010. Non potremo mai dimenticare tutto ciò che la piccola Giulia ci ha insegnato nella sua purezza e solarità e il mondo che, dal dicembre 2009, abbiamo, nostro malgrado, scoperto nei reparti di oncologia pediatrici. I tumori infantili, purtroppo, sono una realtà più frequente di quanto si immagini e troppo spesso la tragedia della malattia è accompagnata da disagi legati alla lontananza da casa per poter sottoporre i piccoli alle cure necessarie, da difficoltà economiche della famiglia, da esigenze di reperire un alloggio. A.B.E.O. Liguria Onlus da molti anni è attiva in favore delle famiglie dei bambini oncologici ed emopatici. Cerchiamo, tutti insieme, di ricordare Giulia con un gesto di solidarietà per aiutare tutti i piccoli che ogni giorno lottano e soffrono e per le loro famiglie che si disperano e sperano”.

Appuntamento per il 7 ottobre presso il bellissimo Parco Villa Serra in fraz. Manesseno di Sant’Olcese, provincia di Genova.

Ritrovo dalle ore 8.00;

Corsa di 1 km per i più piccoli (dai baby agli under 14) alle ore 10.00;

Staffette 3×1500 metri dalle ore 10.30 (per compagini femminili, maschili e miste).

ISCRIZIONE A OFFERTA LIBERA PER GRANDI E PICCOLI!L’intero ricavato della manifestazione verrà donato ad A.B.E.O. Liguria ONLUS (L’Associazione Bambino Emopatico Oncologico è una associazione no profit di genitori di bambini affetti da patologie oncoematologiche in cura presso l’ospedale Gaslini ed ha come finalità sostenere progetti di ricerca, finanziare la formazione degli operatori e donare attrezzature ed arredi).

Siate uno come nessun altro, portate Giulia con voi per una mattinata di corsa e solidarietà! Ci vediamo a Villa Serra, ok? Non mancare!

Ancora nelle parole di Stefania e Franco, leggiamo le ragioni di una gara speciale:

La staffetta è una gara in memoria di una bambina di soli quattro anni, un vuoto immenso che niente e nessuno potrà mai colmare. Con questa gara la famiglia e tutti gli amici di Giulia vogliono semplicemente ricordare il suo splendido viso sorridente, e provare a sensibilizzare un po’ più di persone su certe realtà che purtroppo ci circondano. Il mondo del podismo è sano, pulito e pieno di sani principi: il messaggio non cadrà sicuramente a vuoto. È stato bello vedere il tamtam mediatico e la solidarietà di molte aziende pronte a dare il loro contributo. Il GSC e tutta la famiglia di Giulia ha fatto e sta facendo il possibile per onorare al meglio il suo ricordo: adesso tocca a VOI!! Aspettiamo runners da prima fila, tapascioni domenicali e anche chi non ha mai corso in vita sua. Attendiamo bambini gioiosi, pronti ad indossare la maglietta di Giulia come un trofeo prezioso. Dimostriamo che la solidarietà esiste ancora!
Tutte le info su www.gscsantolcese.com

1 Comment

Leave a comment

Quote #8

I like running because it's a challenge. If you run hard, there's the pain -and you've got to work your way through the pain. You know, lately it seems all you hear is 'Don't overdo it' and 'Don't push yourself.' Well, I think that's a lot of bull. If you push the human body, it will respond. (Bob Clarke)