Sbuffi e crono, vuoto mentale e pedalare!

dic 19, 2011   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Mio commento a un pregevole pezzo di Luigi Viganò (UISP) su podisti.net. Per leggere l’articolo si clicchi qui.

La capacità di solitudine è una qualità essenziale del maratoneta. La maratona è una sfida che si gioca su una lama sottile e affilata che separa l’efficienza dalla crisi nera. La fottuta “soglia”. Scusate il termine triviale, ma nella sfida occorre spesso essere sboccati e aggressivi, per vincere.

Al gelo a Zelo ;) 11 dic 2011Brucia sulla pelle e nelle meningi, la solitudine. Tu e un orologio, tu e i dolorini, gli sbuffi di vapore o un respiro troppo accelerato, i piedi che dolgono sul selciato, le ossa che si mischiano e lo stomaco che si chiude…

Si parla con se stessi, si sente l’eco dell’incoraggiamento che si rivolge alle proprie gambe, si sente la preghiera laica indirizzata ai propri cuore e polmoni: “non mi abbandonate”. Io, te e loro: testa, cuore e polmoni. Raziocinio, passione e coraggio. Tutta qui la solitudine del maratoneta. Quella di cui le nostre “campionesse” forse non sono capaci*. Forse sono fragili, e mutuano qualità che non hanno da accompagnatori e allenatori (sboccati essi pure, orridi gli sproloqui di Ticali* su questo sito, e senza l’alibi dell’aggressività agonistica. Lui non correva quel mattino berlinese…).

Brucia sulla pelle, vengo da due maratone: Francoforte, in mezzo a 17000 runners corsi da solo per 41 km, 2h24′. Pisa, stamane, da solo per 32 km, col vento e il gelo, 2h24′. Niente di eccezionale, ma ho un personale “in compagnia” da 2h23′. Non sono nessuno, non ho talento, eppure conosco e gestisco la solitudine. Sono un maratoneta e ne vado fiero. Chissà se le nostre campionesse “leprottate” possono dire altrettanto… Lo scopriremo a Londra e – temo – ci metteremo le mani nel capelli.

(il pezzo del Prof. Ticali all’indomani di Berlino si trova su podisti.net, cliccando qui)

Leave a comment

Quote #8

I like running because it's a challenge. If you run hard, there's the pain -and you've got to work your way through the pain. You know, lately it seems all you hear is 'Don't overdo it' and 'Don't push yourself.' Well, I think that's a lot of bull. If you push the human body, it will respond. (Bob Clarke)