Browsing articles tagged with " new york"

Heard on Marathon Talk :)

dic 7, 2011   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

As I was one of the most frequently mentioned athletes during Marathon Talk chat about New York City Marathon on november 6th, Tom Williams and Terry Whitington thought I deserved an interview. They are Marathon Talk guys, a genial platform to share experiences about running and long runs, gathering opinions and learning “on the road”.

 

Episode #99 – available for podcast – contained a 25 minutes interview with me (minutes 52′ onwards); audio quality is not excellent due to skype interferences, but it’s all understandable. The talk added fun to my NYCM experience and gave italian runners a chance to prove they are strong and feel like playing a champions league match!

Guys, it’s time to come up to the front and try to run as fast as possible. I don’t have the phisical means to clock important marathon chronos, but someone surely has! I gave a signal, as I was “suonando la carica” (check out in a dictionary, I don’t think there’s a proper translation ;)

Find full episode #99 at http://www.marathontalk.com/podcast/episode_99_tito_tiberti.php

On line now episode #100 with british marathon record holder Steve Jones (2h07.13 dated back 1985, wow!). Check it out from marathontalk.org homepage!

Listen directly here by clicking or right-click to save the file (22MB mp3 file, episode cut, there’s only the interview with me): Marathon Talk ep. 99 with Tito Tiberti

It’s been a pleasure to precede, in a sense, also Mr. Jones. Talk soon! Ciao.

Running the dream – Tito Tiberti

nov 17, 2011   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Original text on “mzungofire” blog (click here)

New York City Marathon two weeks ago. Who is this white guy running with the lead pack and suddenly drops out at the 5 kilometer mark? Its Tito Tiberti from Brescia, Italy!

We caught up with Tito to get some feedback on his run in New York.
6 novembre 2011: NYCM, in testa al km 4  (foto Carlos Ayala)
You ran with the lead pack at the NYC Marathon until 5k and then suddenly dropped off the pace. What was the motivation to do so? It looked like you went for a 5k PR. Looking at your splits, you then continued to run a 1:11 half before you had a nap on Pulaski Bridge at the half marathon before jogging to the finish, maybe with a friend. Was that the plan all along?

Well, it’s been a last minute choice. Something foolish came into my mind and I told myself: “Let’s make those guys watching at home jump off their sofas!” (I was thinking to my friends, parents and training mates). Seven days before the NYCM, I completed the Frankfurt Marathon in a good 2h24.14 (My PB stands at 2h23.09); I felt obviously tired, but at least I was in New York! I decided to listen to my coach’s advice, so I wasn’t meant to “push” for more than 20km. But I split the 20km effort in a 5km sprint plus a 15km marathon pace run… I went to New York with a friend of mine, who was trying to run his first sub 3h hour marathon. At the half marathon mark I literally stopped for 18 minutes waiting for him and then I started running again with my friend (Teodoro Zanardelli who finally hit the wall and clocked a 3h08.54) getting by till the finish line! It was definitely FUN!
How did you catch up with the leaders, assuming you started a few steps back? All-out sprint?

Wow, that was the difficult part of my adventure! For strange reasons I was given bib number 8902 (I say strange because I was 37th in 2009 and 62nd in 2010), so my corral was pretty far away from the elite runners. I had to find my space going in the corral with the 1000 bibs (I know I shouldn’t. So don’t try this at home!!! I mean, I passed “irregularly” from a corral to the previous during the warm up, but at least I’m sure I did not damage anyone). In any case I started at the cannon shot with a 14” gap to the elite field. I made the first uphill kilometer (I’m Italian, I’m used to kilometers…) in 2’48” without a proper warm up. That was an all-out sprint! Then – once I caught up – it was easier. Till the 4th km mark I was running quite easy (I’m a 14’32” guy for 5.000m), but when we clocked a 2’56” on the uphill 5th km I had to raise the white flag. I surrendered but I was happy being there.
How tough was it for you while running with the lead pack?

It wasn’t so tough, as long as my thoughts were completely devoted to enjoy the moment. It’s been a privilege to be among those champions even for only 15 minutes. When I began thinking I had to be careful not to make anyone of them fall or something similar, I realized It was getting tough! But it’s been amazing looking at them running so easy at such a fast pace. May I say I loved Matthew Kisorio the most? He looked elegant and his coach Claudio Berardelli is a friend of mine as we worked together in Dr Rosa’s camp (Brescia, Italy, 2006).

6 novembre 2011: NYCM, dopo il traguardo con Teodoro!
Did you get any comments or looks from the elite runners?

Viktor Rothlin seemed the most surprised with another European in the pack, but none of them looked worried, obviously. I had tons of comments and congratulations after the race. Running (in Italy) is considered a minor sport, even if there are 35.000 Italians completing a marathon every year, so my presence for a few minutes in front of NYCM field was considered an excellent proof, while – for instance – my decent 10.000m PB of 30’20” on track was ignored.
You ran a 2:24 at the Frankfurt Marathon a week before NYC. Would you have stayed with the leaders until half-way if you wouldn’t have run Frankfurt?

To tell the truth, NYCM was in my program while Frankfurt Marathon wasn’t. On a last minute basis I was included in the elite field in Frankfurt and – as I was feeling fit – I decided to try my best in Germany and then fly to NY for a holiday. If I would not have run in Frankfurt, I would have tried a steady pace race in NY (targeting the first Italian in the race, who clocked only a 2h27′). Unfortunately in Frankfurt I lost more than 2′ in the last 3km because of cramps, and in New York I was too tired!
Will we see you in London at the marathon again with a new 5k PR?

Do you mean in the 5.000m race at the Olympics? I’m only joking… I didn’t think about it yet, but I’m sure I’ll have to run my track PB to stay in the leading pack on London Marathon fast course! I’d love to run London Marathon, but I didn’t register on time and I guess I’m not good enough to be included among the invited athletes out there (not even for free!).
My friends keep having fun! As Mr. Jobs said: “stay hungry, stay foolish”
Oh, last but not least: I should have run with my beloved “volpain team” orange Saucony singlet in NY, but I forgot it in the washing machine, sorry Berty!
Thanks very much for the interview Tito! M.

FF, FB, NY – anagrammatica della maratona contemporanea

nov 3, 2011   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Con contributo interno di Maurizio Lorenzini.

Francoforte, Facebook, New York. I mezzi di comunicazione sono così veloci che ci inducono ad esprimere idee prima di averle pensate… Questo più che un articolo è un racconto breve, arzigogolato a mo’ di flusso del pensiero. Uno stile poco ortodosso per un pezzo con pretese giornalistiche, un format curioso per non annoiare il lettore…

E’ lungo: condenso nella prima parte una sorta di riassunto dei concetti più rilevanti, i paragrafetti titolati invece raccontano di più. Diciamo che il pezzo ha un senso compiuto anche se non avrete la pazienza di leggere anche i suddetti “paragrafetti”.

Sono un discreto atleta e mi diletto di maratona; a 30 anni suonati il mio personale è fermo a 2h23’07” (Carpi 2006) ma sento di aver ancora qualche cartuccia da sparare… Dopo New York 2010 pensai di abbandonare la maratona, sconfortato da alcuni problemi muscolari. Poi un buon dietologo trovò la soluzione al mio problema di catabolismo proteico durante sforzi intensi e prolungati come la maratona: assumendo fonti proteiche durante lo sforzo limito il fatto che il mio organismo anziché consumare grassi si “mangi” tessuto muscolare.

16 ottobre 2011: Cremona, prima del viaCon rinnovata fiducia mi rimisi alla prova della maratona in primavera, inserendo dei lunghi nella preparazione dei cross e riuscendo a conquistare un buon terzo posto nella Brescia Art Marathon in 2h27′ e spicci, crono un po’ falsato dal maltempo… Poi vennero alcuni mesi difficili per ragioni lavorative e di stress psicofisico, infine arrivarono una ripresa verso fine estate e la scelta di preparare la maratona di New York. Volevo tornare sulla scena della disfatta, entrare a Central Park con gambe buone e chiudere in spinta, magari essere il miglior italiano in gara! Arrivò però anche l’invito come “elite” per Francoforte, in programma solo 7 giorni prima della NYCM. Che fare? Francoforte il 30 ottobre o New York il 6 novembre? Ho voglia di correre e il dilemma è presto risolto: mi faccio coraggio e decido di correre entrambe le competizioni. Ovviamente non è consigliabile correre due maratone a distanza temporale così ravvicinata, tuttavia rinunciare all’opportunità di correre su un percorso veloce come Francoforte mi sembra sbagliato e buttare all’aria il sogno di New York mi dispiace.

La doppia maratona, intesa come sforzo intenso è senz’altro un’imprudenza, probabilmente un’autentica sciocchezza, ma l’entusiasmo obnubila le mie conoscenze della teoria dell’allenamento (in cui anche il recupero fisico è un momento fondamentale). Per mia fortuna il mio premuroso tecnico (Fabrizio Anselmo) mi riporta nell’alveo del ragionevole, anche perchè non posso permettermi di dare il cattivo esempio ad alcuni amici amatori cui dispenso consigli.

Lo stato di forma è buono e decidiamo di provare a limare il personale a Francoforte. Domenica scorsa perciò mi sono schierato al via nella città tedesca e – nonostante un vistoso calo negli ultimi chilometri – ho concluso in 2h24’14”. Non è un nuovo primato personale, non rappresenta nemmeno un piazzamento di prestigio in una gara in cui il vincitore, il keniano Wilson Kipsang, ha sfiorato il record del mondo in 2h03’… ma è un ritorno su livelli “interessanti” per un italiano non professionista. È un rientro che mi proietta con fiducia sul 2012 e che mi lascia ben sperare per la New York City Marathon di domenica. Ovviamente non sarà possibile conseguire un risultato cronometricamente rilevante, anzi spremermi troppo sarebbe senz’altro controproducente; tuttavia rappresenterà un’esperienza di cui fare tesoro (come gestione dello sforzo e strategia di gara, o come capacità di leggere la gara e il mio stato fisico e decidere lucidamente il da farsi. Ma anche come fatto culturale non sarà un momento da scartare).

Di seguito approfondisco quanto scritto sopra, senza presunzione o personalismo, ma per il semplice gusto di condividere qualcosa per ragionare ad alta voce e apprendere dal confronto e dallo scambio di opinioni.
-10 ottobre 2011: Pavia, un allungo FB: FaceBook

Il 19 ottobre, quando finalmente sono sicuro dell’invito come “elite runner” a Francoforte, in programma il 30 ottobre, e quando già so che correrò a New York, previsto solo 7 giorni dopo, aggiorno il mio status su Facebook con una bella boutade dai toni tanto enfatici quanto “sbruffoni” (addirittura in terza persona e bilingue, in pieno stile faccialibro, come se all’atletica vera – professionistica e seguita dal grande pubblico – importasse qualcosa della mia programmazione agonistica)…

“Ok, suspence finita! Tito Tiberti fa un esperimento e correrà due maratone in 7 giorni: a Francoforte il 30 ottobre, da elite runner, e New York il 6 novembre, dove darà il 120% delle energie residue! Si accettano scommesse, d’altra parte vanto un credito con Central Park e quest’anno avrò gambe buone per il finale!!! Devo una dedica a una persona e non posso fallire :)
Suspence is over: gonna run 2 marathons in 7 days: elite runner in Frankfurt on 30th Oct. and “full of enthusiam” in New York on 6th Nov.! I’ll give 120% in NYCM, 120% of what’s left after a PB-hunting in Germany! Gotta dedicate the result to a special One, can’t fail :)”

In tempo reale sulla mia “bacheca” compaiono decine di “mi piace” e svariati commenti entusiastici: è facile scambiare una sciocchezza dal punto di visto tecnico (parliamo di atletica leggera) e sotto il profilo sanitario (è noto che i medici consiglino due maratone in 7 giorni…) per un’impresa eroica. In effetti la maratona è portatrice sana di eroismo: il solo fatto di essere in grado di portarla a termine è fonte di sempiterna autostima.

Non passa nemmeno un’ora che si fanno sentire anche gli scettici, più “riservati”, che mi contattano in privato. Un amico (Lorenzini, sei allo scoperto!) in particolare mi domanda se l’affermazione non mi sembrasse un po’ “fanatica”. Certo che lo è! Ho azzardato un’interpretazione calcistica del nostro sport… Se l’atletica occupasse più di un trafiletto sulla Gazzetta potrei essere una delle firme principali, considerando la mia capacità provocatoria, sensazionalista e (auto)ironica. L’intento (ben celato) era quello di sbeffeggiare chi riesce davvero a correre due maratone a tutta in sette giorni senza “schiattare”…
-30 ottobre 2011: BMW Frankfurt Marathon - appoggi

E’ vero, mi sono presentato al via a Francoforte e mi ripresenterò ai nastri di partenza newyorkesi, ma dubito che la seconda possa essere una prestazione che vada al di là della passeggiata turistica! A Francoforte invece qualche soddisfazione me la sono tolta. Ma racconto poco oltre, qui e ora mi preme sottolineare come sia facile lasciarsi prendere dall’entusiasmo e pensare di poter strafare. Con mezzi fisici “normali” (i miei, per esempio) e un buon allenamento si possono fare discreti risultati in maratona, ma non si possono fare miracoli. I miracoli li faceva quello che creò per 6 giorni e si riposò il settimo, non io che voglio riposarmi 6 giorni e faticare il settimo. Oppure li fa chi ricorre all’aiutino da casa (non da casa sua, da quella del farmacista!).

Avevo scambiato una scelta (atleticamente) suicida per un’avventura eroica, ma avevo dimenticato di non essere Captain America o James Dean…

Il mio onesto allenatore mi ha rimesso in riga, ricordandomi che magari con l’entusiasmo e la voglia di correre potrei anche correre decentemente a New York ma che poi ci vorrebbero mesi e mesi per recuperare (sempre ammesso che una doppia maratona non mi “scassi” qualche articolazione…). E siccome vado a NY a prendermi una parte di me lasciata tristemente lungo la 33^ strada due anni fa, non sento la necessità di essere eroico. Mi basta andare sapendo che non ho più paura dei 42km e che ho di nuovo una voglia gioiosa e infinita di correre…

David Grossman ha recentemente scritto: “Strana è la corsa, è stancante tanto da purificarti, e ti aiuta molto bene a collegare insieme le nascoste radici degli attimi, e quasi non si sa se sei tu che corri o se tutto scorre attorno a te in un lento movimento di giostra, paesi che hai già oltrepassato ecco ritornano a galleggiarti davanti nel buio”. Mi pare che correndo in controllo sugli stradoni della Grande Mela potrò cogliere meglio il panta rei cosmico ed apprezzarne la relatività dello scorrere rispetto al mio stesso essere in movimento!

FF: FrankFurt 2011

30 ottobre 2011: BMW Frankfurt Marathon - aeroplanino

Intanto Francoforte è fatta, mi aspettavo di ritoccare il personale, ma non ce l’ho fatta, eppure sono contento del mio 2h24’14”. Sono uscito con un pensiero, che esprimevo così a un amico, a mezzo FB: “DD, sai qual è la nuda e cruda verità che ci riporta coi piedi per terra? Che io son bravo ma il mondo è 20′ più avanti, che tu sei bravo ma io sono 20′ più avanti, che 20′-40′-60′-etc più indietro di te ci sono decine di migliaia di runner… Quindi l’unica cosa sensata da fare è godersi quel che viene, giocandosi onestamente le proprie carte nella sfida con se stessi… una sfida che dura tutta la vita e che rende ogni gara (ma la maratona di più) così intrigante e irrinunciabile!”

Ma anche con una sensazione piacevole, che esternavo via SMS grossomodo con questa formula (comprese abbreviazioni da digitazione cellulare): “D nuovo crampi alla fine,ma sn contento.Dovevo esserC e provarC.Avevo cuore nn gambe.Avevo1pensiero felice in testa.Grazie x il tifo,l’ho sentito ad ogni passo…O almeno l’ho voluto sentire:) ora piango1po’come alla fine d ogni maratona,perché cmq é una conquista!”. O su FB mi definivo: “emozionato più che soddisfatto. Avevo un pensiero felice in testa e l’ho portato con me tutta la maratona, poi l’ho incastonato nella medaglia e spero di non averlo consegnato al vento…”.
Archivio 2010 - Dedicata a Emma che è infortunata e non merita la sfortuna del momento...
-
Ho corso da solo per 40,5 km., fatto anomalo per una gara molto affollata. Per 30 km sono stato regolarissimo: 33’33” al 10° km, 1h10’50” alla mezza, 1h40’54” al 30°km. Poi ho perso qualche colpo ma in realtà la strada verso il 35° km saliva un po’. È dal 35° al 40° che mi sono “afflosciato” su ritmi vicini ai 3’40”/km. Però la donna che avevo davanti si avvicinava, al 40° ho preso quel poco di coraggio che mi era rimasto e mi sono lanciato all’inseguimento: 3’24” per il 41° km, sarebbe arrivato un 2h23’30” e un posto nei primi 50. Ottimo, pensavo! Invece ogni maratona ha una storia a sé e, mentre non facevo nemmeno in tempo a pensare “dai!”, mi hanno preso crampi improvvisi ai bicipiti femorali ed ho zoppicato fino al traguardo coprendo gli ultimi 1200 metri in 4’55”. Nonostante questo ho superato di slancio una donna etiope che era evidentemente conciata peggio di me… Come al solito, ho potuto constatare che c’è sempre chi sta peggio (sebbene non sia necessariamente un pensiero consolatorio).


La città mi ha lasciato la piacevole sensazione di un agglomerato eterogeneo di culture, etnie e stili di vita: il centro storico è ammantato di antico, la parte più moderna è vetro&acciaio&stradoni: cantieri e gru sono ovunque al lavoro. La gara si snoda in entrambe le parti della capitale finanziaria tedesca, e anche in zone periferiche, più verdi, nonché sui vialoni lungo il Meno. È un tracciato scorrevole ma non banale: qualche leggero saliscendi, tratti un po’ più tortuosi, sampietrini… insomma, quel che serve per risvegliare le gambe quando si correrebbe il rischio di “addormentarsi” su velocità di crociera non elevatissime. La macchina organizzativa è perfetta, d’altra parte gli spazi della Fiera sono immensi e si prestano ad ospitare grossi eventi: il centro maratona è amplissimo e i servizi sono dislocati con logica praticità (ritiro pettorali, deposito borse, docce, massaggi, stand commerciali, servizi post-gara). L’arrivo nella “Festhalle” (un salone da concerti) è psichedelico ed esaltante, il transito al ristoro breve e perfettamente accessibile… Insomma, un modello organizzativo da imitare!

NY: New York (City Marathon)

6 novembre 2011: NYCM, km 15 circa (foto Bob Anderson) New York mi attende venerdì: con l’amico Teo approderemo nella Grande Mela con l’idea di goderci al meglio le opportunità che la metropoli ci offre, prima sportivamente poi turisticamente! È impossibile pensare a New York come a un viaggio-maratona e null’altro, consiglio di cuore a tutti i podisti di fare il possibile per potersi fermare qualche giorno dopo la maratona ed “assaggiare” un pezzo della città sull’acqua… Sul mio blog ho messo a beneficio di un’amica una specie di “quick guide” alla visita della città, ma è a disposizione di chiunque voglia spulciarla (http://www.titotiberti.it/girotondo-nella-grande-mela.html). Vado per mettere un piede davanti all’altro, vado a NY come amatore. Voglio vivere la maratona come uno che vada per correre in 5 ore e sperimentare tutta la trafila della giornata in maratona: dall’autobus prima dell’alba all’attesa estenuante a Fort Wadsworth, dalla colazione all’aperto al posizionamento in griglia, dai colori e costumi durante la corsa all’arrivo sotto gli occhi di Fred Lebow, dal godimento del tifo lungo il percorso alla fruizione dei ristori, dal ritiro della medaglia al recupero della propria borsa… Insomma, voglio tornare a casa ed essere in grado di raccontare agli amici tutte le fasi della NYCM!

Poi quale sarà il mio crono non lo posso sapere ora, sono stanchino e non si fanno previsioni in queste condizioni. Magari darò del filo da torcere ai campionissimi, più probabilmente dovrò fare i conti con gambe molli!

ML: Contributo di Maurizio Lorenzini

Correre le maratone: ma quante?

Ecco un dilemma che affligge e angustia molti maratoneti, quale è il limite di sopportazione o , se preferite, quello della ragionevolezza?

Esiste un club di supermaratoneti, gente che percorre 42,195 km venti, trenta, quaranta e più volte all’anno, altri che si pongono la domanda se la seconda o la terza nell’arco dello stesso anno siano una buona idea. Poi, meno male, ci sono quelli che non le corrono proprio e campano ugualmente bene.

Proprio nei giorni scorsi a Reggio Emilia si è corso quanto e quando si voleva, qualcuno forse avrà fatto il record di maratone in 10 giorni,i punti di vista di partecipanti e osservatori sono molteplici , spesso in forte contrapposizione tra loro.

Prima di sollevare discussioni sulle scelte, quindi 1-2-10-20 volte e così via, chiarisco subito che in questo piccolo contributo non intendo affrontare la problema del quanto, semmai curiosare, sia pure molto superficialmente, nella logica (?!?) delle scelte che si fanno, del rapporto amore-odio verso questa distanza.

Le scelte, come queste:

D:“ Leggo da qualche parte di un tuo possibile ritiro dalla maratona, onestamente, è vero oppure è solo un effetto onda lunga delle recenti delusioni?

R. E’ vero, è una decisione che mi costa fatica ma che ritengo necessaria per lo svolgimento di una vita “normale”.

Si tratta di un runner che avevo contattato tempo addietro, mi sembrava un buon esempio di linearità di pensiero, convinzione nelle scelte…mi sembrava. Ma ci torniamo dopo.

Un record personale lascia indubbiamente un bel ricordo e lo stimolo a riprovarci per fare ancora meglio; è lo stesso record personale che ci fa raccontare di una gara magnifica , perfettamente organizzata, misurazione precisissima, spesso molti di questi parametri non sono veritieri, ma guai a dirlo al maratoneta eccitato ed esaltato dalla sua performance. La “sua” maratona è la più bella del mondo.

Al contrario ci sono quelli che escono devastati dalla maratona, hanno mancato l’obiettivo e ciò genera una depressione mentale ancor peggiore di quella fisica. Povere mogli, amanti , figli , amici, colleghi, magari il soggetto in questione è un importante manager, le conseguenze sulle perfomance aziendali sono più che un rischio concreto.

Eppure quasi sempre gli insuccessi in maratona sono legati, in questo ordine, a scarsa preparazione, eccessive aspettative, alimentazione inadeguata.

Ma torniamo alla domanda/risposta che avete letto in precedenza. Un runner di livello medio-alto, con una certa esperienza podistica, di ottima cultura, che dichiara in modo inequivocabile l’esigenza e la decisione di tornare ad una vita normale.

Ora il soggetto in questione lo scopriamo, nel vero senso della parola, che ha corso la maratona di Francoforte e che correrà quella di New York; a rendere ancora più clamorosa la notizia è il fatto che Francoforte si è corsa il 30 Ottobre e New York il prossimo 6 Novembre, anno 2011!!

Imputato Tito Tiberti, si alzi e ci faccia capire ……

yXr: yogaXrunners e il mal di schiena che non si presenta!

Non vorrei che questo passaggio passasse come uno spot pubblicitario perchè non è così, perciò sarò breve. Ho sempre sofferto di mal di schiena nelle fasi preparatorie della maratona (diciamo all’aumentare del chilometraggio settimanale) e in maniera acuta dopo aver corso una maratona (due protrusioni discali…). Quest’anno – in cui l’elemento nuovo nella mia preparazione sono due sedute settimanali di yoga con la maestra Tite Togni – sono qui sereno a godermi una schiena in buona salute. Spannometricamente, mi sento di consigliare lo yoga, che può anche non avere una dimensione meditativa spiccata ma essere un vero e proprio esercizio fisico di rinforzo e gestione del respiro.

MG: Muchas Gracias / Martina Greef

Siamo di nuovo a Francoforte; nonostante ci fossero in gara oltre 15000 concorrenti mi sono trovato a correre da solo già dopo 1,5 km e così fino al traguardo. Avevo un riferimento lontano (30” circa avanti a me) nella fortissima Agnes Kiprop con le sue lepri, ma non era un aiuto; da dietro non mi ha rimontato nessuno; quelli che ho superato erano “cadaveri” per nulla in grado di farmi compagnia o aiutarmi a tenere il passo… Ma dopo il km 15 una ciclista dello staff organizzativo mi ha fatto un po’ di coraggio, accompagnandomi per dei lunghi tratti (circa 3km tra un ristoro e il successivo). Stava ben attenta a non avvantaggiarmi con la scia della bici o altro, ma ogni tanto mi regalava qualche parola di incoraggiamento e qualche sguardo di “approvazione”… Dopo il traguardo l’ho cercata per ringraziarla, ma non l’ho trovata. Mi ha trovato lei (ancora attraverso FB) che aveva memorizzato il mio numero di pettorale. È stato un gran piacere, ci siamo scambiati qualche parola, per ringraziarci e descriverci il piccolo miracolo della solidarietà sportiva!

Tra l’altro la immaginavo stereotipicamente “tedesca monolitica”, invece è una donna allegra che vive in Spagna e parla anche un po’ d’italiano ; 42,195 volte grazie , Martina!

Girotondo nella Grande Mela

ago 8, 2011   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Tutti conosciamo New York per un flash, un ricordo improvviso legato a una scena filmica o una foto patinata… Una delle prime cose che vidi – in una passeggiata pre-maratona nel 2009 – fu “The Pond”, la pozza. Un laghetto con tanto di ponticello ligneo nell’angolo sudest di Central Park, visto così tante volte in scene da commediola romantica tra Hugh Grant e Julia Roberts da farmi pensare di averlo avuto dietro casa.

New York è poliedrica: richiede diverse visuali per essere apprezzata; richiede diverse stagioni, climatiche e della vita di una persona. La mia stagione newyorkese è sempre stata quella novembrina: i giorni della maratona e i preparativi per il periodo natalizio, da Halloween in poi passando per i saldi…

A New York mi sono districato con gioia e dolore tra le vie della città e quelle dei miei intelletto e cuore. Non sono mai stato a NYC in un periodo davvero spensierato della mia esistenza, ma sono sempre stato contento di esserci transitato. Contento che certe preoccupazioni dovessero attraversare il mio animo mentre ero lontano da casa, ma in un luogo in cui mi orientavo agevolmente.

Mi permetto cinque suggerimenti per un turista della Grande Mela. Non voglio sostituirmi a una guida per mania classificatoria, semplicemente rispondo alla richiesta di consigli di un’amica che in vacanza a NY e facendolo ripercorro strade, colori e profumi della città sull’acqua. Per quanto il paragone possa sembrare azzardato, Nuova York è una Venezia moderna.

Una visuale del corpo, dal cielo. Scoprire la Downtown circondata dalle acque è particolarmente agevole scegliendo un punto sopraelevato. Considerati i dislivelli “artificiali” si potrebbe parlare di una città di montagna ;) Dalla cima dell’Empire State Building la visuale è straordinaria, soprattutto l’arco meridionale: quello descritto dal sole. Si possono riconoscere gran parte delle strade e dei punti caratterizzanti della città: dalla Statua della Libertà con il Verrazzano Bridge sullo sfondo, al profilo tagliente del Flatiron Building fino agli edifici “bassi” della città di là dal Manhattan Bridge (parlo di Brooklyn)… Dalla terrazza del “Top of the Rock” (il Rockfeller Center) la visuale è sempre incredibile, migliore per l’arco settentrionale: tutto il Central Park si distende sotto i nostri piedi e si può gettare un occhio su fino al Bronx e ad Harlem. Volgendo a Sud lo stesso Empire State Building rientra nel panorama, rievocando scene da “King Kong”, insieme al Crysler Building, spesso inquadrato nella Gotham City di Batman… Il Top of the Rock offre il piccolo bonus di una salita in ascensore in un’unica velocissima tappa (più o meno 75 piani in 27”) con tetto della cabina trasparente e curiosi giochi di laser…

Una visuale del corpo, dall’acqua. New York è bella anche vista dall’acqua. Allontanarsi dagli ormeggi del porto sulla crocierina che da Fort Clinton porta alla Statua della Libertà, permette di apprezzare la verticalità del profilo di Manhattan, sebbene orfano delle Twin Towers. E poi ai piedi della Liberty Statue si percepisce la propria piccolezza, ed è un modo “soft” per riassaporare la propria ominità. Non è una cattiva idea proseguire la crociera facendo tappa ad Ellis Island, isola-museo dove è perfettamente conservato ed attrezzato il “fu” centro di controllo dell’immigrazione e che – specialmente per noi italiani – offre una chiara lezione sull’importanza dell’accoglienza e sulla barbarie – anche solo concettuale – dei cosiddetti CPT (Centri di Permanenza Temporanea).

Una visuale del corpo, dalla terra. Al centro del Great Lawn, il prato circolare in Central Park teatro di mitici concerti, ci si gira a 360° senza percepire di essere nel cuore di una megalopoli. Central Park è il polmone della città, che – a dispetto delle sue dimensioni e dell’intensità dei transiti umani – è molto vivibile. Intendo letteralmente vivibile, dal punto di vista dei rischi per la salute: è una città di mare molto ventilata e raramente vi stagna l’aria pesante di smog e polveri sottili che attanaglia i bronchi padani. Suggerisco un possibile itinerario per una giornata in piedi. Si approfitta dell’energia del mattino per una visita al Guggenheim Museum (angolo 5th Ave & East 89th Street), poi si passa in Central Park costeggiando per un pezzo il laghetto dedicato a Jackie Kennedy, il cui periplo è popolato di podisti colorati a tutte le ore. Si tiene la barra a Sud, basta seguire il sole, dovremmo essere nei dintorni del mezzogiorno… Se viene fame un baracchino ambulante ci potrà presentare la scelta tra un Pretzel e un Hot Dog rigorosamente con coca cola al limone: sono una fetta di odori e sapori american style, sebbene non siano un vero “pasto” e probabilmente non siano la scelta più sana possibile (New York non è piena di “ciccioni” come si potrebbe pensare e per di più è costellata di locali dove mangiare cibi sani e freschi ad un prezzo più che ragionevole, io adoro specialmente i grill mongoliani!). Si prosegue attraversando il Great Lawn e rincorrendo scoiattoli vicino al Belvedere Lake, poi ci si “perde” nel groviglio di sentierini del “Ramble”, ma seguendo il sud si approda inevitabilmente al fiorito Bow Bridge. Una foto di rito e poi via verso la spettacolare Bethesda Terrace, sul cui spiazzo è sempre possibile assistere a spettacoli di strada eccezionali. La passeggiata verso sud prosegue lungo il viale alberato “The Mall”, percorso da visitatori in cerca di ombra o distrazione, ed approda ai confini meridionali del Central Park, lambendo lo zoo cittadino, la pista da pattinaggio su ghiaccio gelata quattro stagioni su quattro e percorrendo il ponticello ligneo sul “Pond”, delle cui rievocazioni melliflue ho già scritto…

Una visuale dello spirito, fuoco. E’ il fuoco della società, il cuore pulsante della vitalità h24 della Grande Mela, l’incrocio più eterogeneo e disordinato di lingue e culture: è Times Square. D’obbligo dedicare una serata ad un musical nel Theater District (Broadway!), io ho amato il classicissimo The Phantom of the Opera (Majestic Theatre), peraltro comprensibile anche per un orecchio non allenato all’anglofonìa, ma a occhio e croce sono tutti ottimi spettacoli. Dopo il teatro è abbastanza presto per godersi la serata. Basta stare in strada e qualcosa da fare si trova, si saziano gli occhi e si iperstimolano i sensi! Se poi viene fame o sete, una visitina all’Hard Rock Cafè o al Planet Holliwood è esperienza meno “convenzionale” che in un’altra città nel mondo… Se avete anche due spicci in più nel portafoglio, vi consiglio per deformazione professionale di entrare da Bubba Gump Shrimps & Co. (vi ricordate la pesca di gamberi di Forrest Gump e del tenente Bubba?) per qualche stuzzichino di mare.
L’alternativa a Times Square è una partita di NBA al Madison Square Garden: ci passerete ore deliziose anche se non capite una proverbiale “acca” di basket.

Una visuale dell’anima: 4 fermate di metro e 1 ora di cammino urbano, 1 ora per vedere tutta l’umanità davanti a propri occhi. Metropolitana: uscite dalla stazione 86st, sulla blu A-C o sulla gialla B-D, percorrete verso sud la Central Park West fino alla stazione 72st: alla vs sinistra il verde del parco, alla destra case normali, poca gente che passeggia, un po’ di affollamento davanti al monumentale Museo di Storia Naturale, poi il Dakota Building (dimora e luogo dell’assassinio di John Lennon, a pochi metri dagli Strawberry Fields) e giù in “tube” ancora gialla B-D fino alla 34st. Qui salite in superficie su Herald Square e prendete la Broadway verso Downtown (ancora sud), in diagonale, e camminate fino al Bowling Green. Sono alcuni chilometri ma non c’è bisogno di fermarsi. Basta tenere gli occhi aperti e vedere come cambiano il “mondo” e le persone passando per Little Korea, Flatiron District, Union Square, la NYC University e Noho, lambendo Little Italy e ChinaTown e approdando al Financial District, dove sapete che alla vostra destra c’è Ground Zero e alla vostra sinistra Wall Street: gloria e “de profundis” dell’America anni 2000.
Dove andare lo posso suggerire io, cosa pensare e come leggere volti e colori della gente lo scoprirete voi…

Visto su Podisti.Net!

nov 20, 2010   //   by admin   //   Blog  //  1 Comment
Nonostante New York non sia andata come volevo (o volevamo, visti gli apprezzamenti ricevuti in pubblico e privato di cui sono infinitamente grato ai mittenti, “più infinitamente” a Rocco – mio fratello – che  mi ha aperto il cuore…), Podisti.Net tramite la penna del “baffo” Lorenz (Maurizio Lorenzini) mi ha onorato di un’intervista molto gradevole, che riporto sotto con tanto di foto di Roberto Mandelli:
Tito a NY in un collage di Roberto Mandelli
Da dove si può cominciare parlando e scrivendo di questo uomo? Ci ho pensato un po’ poi ho deciso che era più facile intervistarlo.
Francamente avevo anche pensato di lasciar fare tutto a lui, è bravissimo a scrivere… Il mio intendimento iniziale era di intervistarlo dopo Venezia, magari anche per raccontare la sua miglior prestazione in maratona, non è andata così, ci ha riprovato a New York e anche qui…
Eppure sarebbe così semplice cavarsela in breve: basta raccontarlo come atleta (il suo palmares è invidiabile), chiedergli come ha vinto una gara e magari perso un’altra, ma sarebbe banale scrivere solo di questo, non piace a me, piacerebbe ancor meno a lui.
Ma dopo poco che lo conosci, ma basta veramente poco, scopri la persona che c’è dentro il runner ed ecco che tutto diventa assolutamente facile e immediato…
Ma questo è un sito di podismo, a beneficio di chi ci legge non si può prescindere dalle prestazioni e allora eccole qua:
5000m – 14.37 (2008)
10000m – 30.21 (2008)
Mezza maratona – 1.06.32 (2008)
Maratona – 2h23.09 (2007)
Le sue vittorie sono tante e tali che occuperebbero troppo spazio, mi limito ad osservare che si tratta di un atleta veramente completo, capace di spaziare con successo dalle maratone ai giri a tappe, dalle mezze al cross, dalla pista alla strada.
Esaurite le formalità, segue la chiacchierata (in effetti non riesco a chiamarla intervista)
Ciao Tito,
  • tanto scontata quanto inevitabile la prima domanda: New York, ancora prima Venezia…
Ciao Maurizio. Stiamo parlando di maratona. La maratona sfugge un po’ alla logica atletica: puoi anche essere in grande spolvero e raccogliere poco. Io stavo bene, ero molto tranquillo sulla tenuta, magari un po’ meno sui ritmi ma comunque fiducioso di fare bene. Invece sia a Venezia che a New York le cose non sono andate come avrei voluto e mi tengo il personale datato 2008 a Carpi. Col passare degli anni la schiena e i finali sempre più “in salita” mi hanno fatto pensare di non essere più un maratoneta, sebbene possa dire di aver esordito senza preparazione in 2h28′ (Roma 2005) e che lo stesso anno a Ostia avrei corso vicinissimo se non sotto le 2h20′; invece corsi 2h23’38” ma con due errori di percorso (avevano segnato le frecce sull’asfalto col gesso e la notte precedente aveva piovuto…) valutabili in 600-700m complessivi e – cosa incredibile nell’ambito di una carriera, ancora di più se succede due volte nella stessa gara – due stop imposti dai vigili per far passare le automobili (ai km 9 e 38)… Vi lascio immaginare la mia incazzatura!
Per ora credo che il connubio Tito-Maratona sia un capitolo chiuso.
  • Gli allenatori che hai avuto, raccontaci
Beh, a parte i “coach” della prima ora (ho cominciato a correre durante le scuole medie a Maruggio, Taranto, vincendo presto il campionato provinciale sui 1000m), sono tre gli allenatori della mia vita. Mio padre Fiorenzo, tecnico federale, mi ha seguito con passione e competenza fino ai 20 anni (sempre a Brescia), poi per infortuni a catena ho praticamente perso gli anni della categoria Promesse. Con il passaggio da Senior e gli studi universitari sono approdato al CUS Pavia, alla corte del Prof. Felice Costante, col cui gruppo e sotto la cui guida, ho fatto il “salto” dal mezzofondo al fondo, fino ad allora ero stato soprattutto buon siepista. Sono arrivati il debutto in maratona e il primo sub 1h10′ in mezza. Poi pian piano e con lo stimolo di allenarmi con atleti forti (eravamo io, Vaccina, Cugusi, Monserrate, Simona Viola e altri…) sono venuti i miei personali. Tornando a Brescia dopo 7 anni a Pavia e dovendo fronteggiare ritmi di vita diversi ho scelto di essere più autonomo e sono diventato allenatore di me stesso, riuscendo a mantenere i miei standard qualitativi pur senza un gruppo di allenamento così competitivo. Tuttavia – soprattutto quando ci sono problemi – si sente il bisogno di un occhio esterno e di qualcuno che metta ordine nella preparazione e nella periodizzazione, perciò ho cercato una persona che avesse le caratteristiche della competenza e dell’onestà intellettuale. Avrei potuto tornare indietro perchè papà e Felice hanno queste caratteristiche, tuttavia ho voluto anche rispondere alla voglia di sperimentare stimoli nuovi e mi sono rivolto a Fabrizio Anselmo (SG Comense). Sono tre mesi che ci rapportiamo e – sebbene la maratona non ci abbia riservato soddisfazioni – sono sicuro che il connubio porterà risultati.
  • A proposito, ma sbaglio o anche tu svolgi attività di coaching? Manager?
Non sbagli, la passione per la corsa è la costante dei miei giorni. Non è una malattia, ma un genuino amore per l’attività: mi vedo corridore anche al di là delle competizioni. Come mi scrisse una mia adorabile amica (tutt’altro che sportiva) qualche anno fa: “Forza Tito, continua a correre la tua vita”. Interpreto la corsa anche professionalmente: metto la mia esperienza a disposizione di alcuni amici amatori che alleno, seguo come manager alcuni giovani italiani di buone prospettive e intreccio ai temi della corsa l’altra mia grande passione, che è la scrittura. Il mio desiderio profondo futuro sarebbe il giornalismo sportivo e d’inchiesta (oltre all’insegnamento elementare…). Sono però due mondi che non riesco a penetrare, per ora…
  • L’atletica oggi…
L’atletica è un Giano Bifronte, richiede un occhio sul passato e uno sguardo al futuro. Da dove veniamo e dove andiamo noi podisti. Il passato glorioso della “stirpe italica” è un lontano ricordo nonostante i recenti successi di un grandissimo come Baldini; l’evoluzione del mezzofondo e del fondo taglia fuori quasi definitivamente ciò che non è Africa dal panorama internazionale e per il futuro le prospettive di successo non sono rosee. Talenti se ne vedono ancora, sebbene i numeri dei partecipanti alle gare giovanili siano piuttosto risicati. “Bianchi” che corrono forte ce ne sono ma sono pochi e – ahinoi – non durano a lungo. Bisogna prendere atto che si possa fare atletica di qualità anche senza conquistare allori olimpici e valorizzare il lavoro dei nostri ragazzi portandoli a fare del proprio meglio. L’atletica è comunque una scuola di vita importante dove non c’è solo il podismo e dove c’è spazio per una costruttiva integrazione tra vecchi e nuovi italiani, tra i figli di italiani e i figli degli immigrati (o gli immigrati stessi). L’atletica ci regala una possibilità importante per essere genuinamente fratelli, non la dobbiamo perdere! Altrimenti facciamo la fine della Scuola di Adro, che mi duole dire stia proprio nella mia provincia…
  • Leggo da qualche parte di un tuo possibile ritiro dalla maratona, onestamente, è vero oppure è solo un effetto onda lunga delle recenti delusioni?
E’ vero, è una decisione che mi costa fatica ma che ritengo necessaria per lo svolgimento di una vita “normale”. Dalle delusioni si può trarre una lezione costruttiva e costruire qualcosa di migliore, dal mal di schiena invece vi assicuro che non si cava nulla di buono e confortante. Io desidero fortemente correre a fianco dei miei figli (quando ne avrò) e per questo ritengo di dovermi risparmiare i carichi di lavoro da maratona (ho due protrusioni a livello di dischi intervertebrali). Certo, non è necessariamente una decisione definitiva, nel momento in cui la mia struttura muscolo-tendinea e osteo-articolare me lo permettesse sarei felice di correre ancora la distanza regina! Da poco un sito dove tengo anche un blog e dove ho raccontato la mia New York e il perchè sia stata l’ultima maratona: www.titotiberti.it
  • E poi, che fai nella vita, a parte correre (forte)?
Nel lavoro, nonostante due lauree e un master, mi arrabatto per mettere insieme uno stipendio: corro, faccio il piccolo manager, faccio l’addetto stampa, scrivo free-lance… Ogni tanto rimedio un contratto semestrale. Diciamo che la prospettiva della pensione non c’è nel mio panorama a lungo termine. E’ un periodo difficile per tutti, lavoro ce n’è poco e io ho la fortuna di avere il “paracadute” della corsa che ogni tanto mi permette di arrotondare. Poi la vita non è solo lavoro: amo viaggiare, scoprire luoghi e abitudini culturali, assaggiare cucina diversa dalla nostra, leggere, incazzarmi perchè la politica e l’establishment imprenditoriale non comprendono i problemi delle persone normali costringendo dei poveri cristi a rifugiarsi in cima a una gru o a ipotecare casa…
  • sei molto bravo a scrivere, a te la tastiera, pardon, la penna… un pensiero a ruota libera, aneddoti, curiosità…
Grazie per il complimento. Più passa il tempo più mi rendo conto che sia l’entusiamo il vero motore del successo. Uno deve avere polmoni buoni, un cuore potente, gambe forti e ottima elasticità, ma se non ha le motivazioni giuste non va lontano… T.W. Burgess disse “Who runs in circles never gets far”, chi corre in circolo non va mai lontano. Per questo preferisco la strada e i sentieri, per questo corro lontano, per questo spesso lascio il cronometro a casa. Anche se in pista andrei più forte, anche se è in pista che si costruisce un campione… Io le motivazioni le trovo nella scoperta del mondo che mi sta intorno, nel leggere i volti delle persone che incontro: alcuni mi dicono “ma che diavolo ti affanni a correre?”, altri con un sorriso fanno trasaparire ammirazione, altri portano i segni del fardello che gli uomini portano. Ultimamente incontro sempre più volti che non dicono nulla, che trasmettono disinteresse. Conoscere persone senza preferenze e interessi mi disgusta e mi toglie entusiasmo; a me piace parteggiare, essere “partigiano”. Anche sui campi di atletica…
Grazie Tito.
Si conclude un’intervista che in realtà in qualche modo non finisce, perché la conversazione è veramente gradevole e continuerà in tutte le occasioni che capiteranno, forse non è mai nemmeno iniziata, in senso stretto.
A dispetto dei suoi “soli” 29 anni Tito è persona di grande maturità ed elevata cultura, determinata tanto dagli studi quanto dalla voglia di conoscere e confrontarsi, di crescere umanamente e professionalmente. A tutto ciò si aggiunga un notevole spessore morale e impegno verso il prossimo, mi riferisco all’adozione a distanza, alla collaborazione per l’integrazione degli immigrati……mi fermo qui, so che non vorrebbe che io ne scrivessi, ma…..i microfoni sono spenti e io sono da solo col mio registratore sulla via di casa.

Un venerdi’ ordinario in una citta’ straordinaria

nov 12, 2010   //   by admin   //   Blog  //  No Comments

Tito Tiberti, NYCM 2010 zona arrivo

Sono passati cinque giorni, sono ancora nella Grande Mela a fare il turista. Dall’atmosfera della maratona si è passati a quella natalizia.
Si capisce che non è l’anno del lusso e dello sfarzo a tutti i costi, ma è pur sempre La metropoli che si avvicina alla fine di un altro anno. Ho sbirciato le prime foto della mia maratona, sono dell’amico Mandelli che ringrazio. Per me sono un ricordo senza prezzo, sembro persino più rilassato dello scorso anno e la maglia “azzurra” mi dona. Almeno al morale!
Ho ricevuto tanti attestati di stima nel dopo gara, parole che scaldano il cuore anche se qui fa davvero freddo. C’è sempre un bel sole, ma anche un vento gelido e infingardo che s’infila nel collo e nelle maniche del cappotto senza chiedere permesso.

Foto di gruppo top runner dopo l'arrivo NYCM 2010

Ma è democratico, come molti agenti atmosferici: in un dato luogo in un certo momento il vento soffia ugualmente sulla barba incolta del “clochard” e sul viso levigato della “madame”; allo stesso angolo di strada piove con la stessa intensità sul cappellaccio del muratore e sulla bombetta del Rockefeller. Gli uomini poi fanno la differenza: chi si rifugia sotto un ponte e chi richiude la portiera della limousine…
Oggi è il turno del Guggenheim Museum e dell’angolo sudorientale di Central Park, passeggiando dalla Bethesda Terrace alla statua del cane Balto attraverso The Mall con turbinii di foglie arrugginite e “interval training” di scoiattoli.
“Good Morning America!”, gracchiava la radio con la voce del doppiatore di Robbie Williams.

Caro coach, provo a raccontarti la mia NYCM

nov 8, 2010   //   by admin   //   Blog  //  15 Comments
Provo a raccontarti tutto.
Parto col premettere che resto convinto che questa sia stata la mia ultima maratona. Non che io sia sicuro che nella mia vita non ne correrò più, ma se lo farò sarà a) per divertimento o b) perchè la mia schiena sarà così a posto da permettermi di prepararmi benissimissimo.
E’ stata durissima. Una mia cugina cercava di farmi coraggio dicendomi che per loro sono stato bravo lo stesso. Devo dirti che per una volta sono convinto di essere stato bravo. Ero messo così male che l’unica cosa che avrei voluto fare era sdraiarmi per terra e lasciarmi morire…
Poi ho capito cosa significa “il pubblico” che ti sostiene fino al traguardo. Andavo a 4.30/km e mi urlavano che ero forte, di portare la bandiera nel cuore, di farmi coraggio… E tra un applauso, un “cinque” a un bambino, uno sbandamento, un crampo e una ripresa ho tirato al traguardo. Speravo che andasse meglio, volevo chiudere in bellezza con la maratona. Non è andata così, pazienza, io ho fatto davvero quel che potevo e sono contento di aver chiuso in un contesto esaltante e non nel grigiore della periferia veneziana.
Stretching a Central Park nel pregara: 6 novembre 2010
La gara non è partita sotto i migliori auspici, scusa se sono “crudo” nei dettagli ma sono dati oggettivi che devono aiutarci a valutare tutto.
Dal sabato mattina non sono riuscito ad andare in bagno, non so il perché ma è andata così e mi sono portato dietro un peso e un disagio (pancia gonfia e tesa, tipo bambino biafrano).
Clima gelido, anche se l’attesa nella tenda riscaldata per me è stata abbastanza confortevole. Ho corso ben coperto: pantaloncini, maglietta, canotta, braccioli e berretto, non me ne sono pentito neanche un istante! Il vento era freddissimo e il sole serviva davvero a poco. Mi guardavo le cosce ed erano violacee, oggi ho le labbra tutte spaccate come se avessi scalato un ghiacciaio…
Primo inconveniente: al km 7 pausa “pipì”, avevo un forte stimolo intestinale ma nulla, solo acqua. Ho perso 15” ma sono rientrato senza problemi, anche perchè il ritmo era calmo (il primo km anche se in salita è stato 3.48…). Insomma, gambe ok, cercavo di stare coperto nel gruppo il più possibile, mi sono fidato anche dell’esperienza di Achmuller e l’ho seguito come un’ombra… A parte il borbottìo in pancia correvo davvero facile, il passaggio alla mezza è stato prudente in 1h13.00, ma sentivo di poter accelerare in qualsiasi momento.
E comunque avevo capito che la giornata difficile avrebbe dato soddisfazioni anche con un 2h25-26…
Al km 21 io e Achmuller abbiamo fatto un’azione e abbiamo raggiunto in 3 km un gruppo che era almeno 30” più avanti di noi, ma non abbiamo strappato. Poi fino al 28 sono stato nella pancia di questo gruppo, agevolmente (sul Queensboro Bridge ho addirittura scelto di staccarmi un po’ in salita per risparmiare e rientrare in discesa). I ritmi erano sempre da 2h25-26′ di proiezione, perciò non ho faticato a rientrare. Abbiamo imboccato la first Avenue controvento e stavo bene, siamo al km 26. Al 18° miglio (28,9km) ho preso un gel energetico (ne avevo già preso uno all’ottavo miglio) e nel bere acqua per mandarlo giù meglio ho perso una quindicina di metri sul gruppo, eravamo in salita e mi sono reso conto di aver fatto più fatica a rientrare, ma ho pensato che fosse colpa dell’acqua che era davvero gelatissima, poi al km 32 di colpo si è spenta la luce. Muscoli rigidissimi, ho cercato di pensare a correre sottoritmo per finire in meno di 2h30′, ho cercato di sciogliere i muscoli in corsa ma ho avuto un principio di crampi, ogni tanto perdevo il passo e la lucidità mentale se ne andava.
Al 35° km ho pensato che ormai la prestazione era compromessa e ho cercato di farmi coraggio con il pubblico, io incitavo lui e lui rispondeva e con l’entusiasmo mi ha portato all’arrivo. Mi sono goduto un bagno di folla da tapascione di alto rango.
Ho sentito parole bellissime che mi hanno riconciliato con il buono del nostro sport.
NYCM: bambini battono il "5" ai maratoneti (fonte: NY Times online)
Poi nell’ultimo chilometro mi veniva da piangere perchè ero stanco e fuori di senno, ma anche perchè ho pensato intensamente che fosse l’ultima maratona e il pensiero di un cambiamento così importante (io ci ho sempre creduto molto e ora togliendo la maratona metto “vita normale”, con maggiore attenzione a lavoro/affetti/impegno sociale) mi ha commosso. Senonchè col freddo e l’emozione mi si è chiusa la gola (ti avevo già detto che è un annetto e mezzo che porto il ventolin in borsa per una tendenza all’asma da sforzo comprovata da esami strumentali, il ventolin è ancora sigillato ma non si sa mai…) e ci è mancato pochissimo che non stramazzassi a terra a 500 metri dalla fine: mi sono fermato, ho respirato a fondo (più o meno) e sono ripartito con un boato del pubblico ;) poi un crampo, mi sono rifermato quasi subito, sono ri-ripartito e ho tirato dritto (direi più a zig-zag, in realtà), fino al traguardo…
Altri problemi: i piedi, sono dolorantissimi. Forse le scarpe erano troppo “secche”, forse allacciate un po’ strette (ma non credo…), forse il freddo non permette una grande elasticità…
Ancora: dolore dietro il ginocchio destro, su un “cordone” tendineo.
Ancora: tendini di achille, direi che possiamo optare per la soluzione definitiva dell’asportazione bilaterale, tolto il dente, tolto il dolore ;-)
Ancora: anca sbilenca a destra.
Oggi non ho corso, non sono proprio in grado (ho avuto seri problemi a fare il turista, non ero mai uscito così scassato da una maratona, probabilmente perchè un sano di mente anziché tirare all’arrivo si sarebbe fermato alla prima ambulanza…).
Tito e Teo pregara: 6 novembre
Nelle 4 ore dopo la fine della gara ho bevuto 7,5 litri di liquidi tra integratori e acqua e alla fine ho fatto 2 ridicole goccine di pipì, ne ho bevuti altri 2 litri prima di sera e stamattina mi sono degnato di una “minzione” d’onore. Mah… forse il vento mi ha disidratato?
Nei giorni precedenti la gara ho bevuto e mangiato alla perfezione: roba sana (pasta, patate, pizza, verdure bollite, condimenti sobri, frutta, una portata di carne alla piastra, una di calamari/polipo/gamberi a zuppa (questo per il discorso proteico). Poco sale e pochi grassi (qualche dolcetto, ma niente di che…).
Questo è tutto. La conclusione che ho comunicato a casa via sms è stata: “Sono vivo e sto bene, a questo punto direi con discreta certezza che semplicemente non sono un maratoneta”.
I passaggi (sempre che abbiano importanza):
17.29 – 17.18 (+20” pausa) – 16.57 – 17.08 – 17.35 (con salita Queensboro) – 17.
14 – 19.12 – 20.54 – 8.53 (4.02/k)
Vorrei comunque che sapessi che ti sono grato per l’attenzione che mi hai dedicato.

Vigilia internazionale!

nov 6, 2010   //   by admin   //   Blog  //  1 Comment

New York al primo assaggio mi era sembrato una città mangiauomini, caotica e “odorosa”, piena di contraddizioni e di violenza culturale. Un meticciaggio forzoso e poco armonico.

Tito e Atletica Gavardo, International Friendship Run 6 novembre 2010

Senza una ragione precisa mi ero fatto l’idea che però al secondo morso sarebbe stata una “Mela” succosa: è la seconda volta che torno a NY e mi sento a casa! Mi oriento perfettamente, mi muovo bene, non mi sento un turista e la gente non mi scambia per un turista. Il mio inglese non si è arrugginito e sono a mio agio. Io – nemico della città – mi scopro a pensare che un’esperienza di vita qui potrebbe essere gradevole…

Le sensazioni sono buone, le gambe sono riposate nonostante la lunga camminata di ieri, l’adrenalina è a mille e non vedo l’ora che sia domattina… Intanto, insieme ai miei allegri compagni di viaggio, mi sono concesso un bagno di folla podistico con la “international Friendship Run” dal Palazzo di Vetro dell’ONU a Central Park.

Tito Tiberti e Teodoro Zanardelli, International Friendship Run 6 novembre 2010

Stamattina abbiamo aperto la giornata correndo con la macchina fotografica in mano, un’esperienza rilassate e divertente. Un modo per scoprire altri volti dell’umanità.

Intanto i miei umani compagni hanno fatto una piccola scemenza “berlusconiana”, ma con lo spirito goliardico che la rende gradevole.  Il video può testimoniarlo ;-)

Atletica Gavardo 90, Friendship Run 2010, “Italia Uno”

Tito Tiberti e amici fotografato da Stefano Morselli - Podisti.net

C’erano anche gli amici di Podisti.net e Stefano Morselli mi ha ritratto con degli amici in zona Columbus Circle: c’è entusiasmo. E’ il motore più potente!

Da New York a New York

nov 3, 2010   //   by admin   //   Blog  //  No Comments
Estratti (anteprima, in terza persona) da un mio pezzo recentemente ideato per il quotidiano Bresciaoggi
370 giorni dalla Maratona di New York del 2009 a quella del 2010. L’anno scorso Tito Tiberti debuttò nella Grande Mela; nonostante vento, freddo e strategia di gara poco accorta. Fu 37° in una “marea” di 42000 partecipanti.
Tito è uno dei più validi corridori bresciani degli anni 2000, vanta buoni primati (30.21 nei 10000m, 1h06.32 in maratonina e 2h23’09” in maratona), ma la sua forza è la costanza di rendimento negli anni.
Da New York a New York per il Saretino che veste la maglia di Atletica Gavardo ’90: è uno spettacolo circolare che inizia e finisce nello stesso luogo. Tornerà ai piedi dell’Empire State Building il 7 novembre prossimo per piazzarsi tra i primi 20. Nel 2009 ben 3500 Italiani trasvolarono l’oceano per correre i 42,195km della maratona e 85 bresciani tagliarono il traguardo.
Tito spiega come correre non sia solo coprire una data distanza nel minor tempo possibile. La corsa – disciplina di lunga lena – è una scuola di vita: faticare, magari in compagnia, educa al rispetto per il lavoro altrui, insegna la lealtà sportiva e sociale, permette di conoscere i propri limiti psicofisici.
Tito Tiberti: Tour Laghi 2010, ultima tappa, vittoriaDa un lato ci sono soddisfazioni agonistiche, vittorie e cronometro. Dall’altro ci sono possibilità di viaggiare e di dare un significato extra-agonistico alla propria attività. Si carpiscono lezioni straordinarie e si comprende la relatività delle azioni umane in contesti diversi. New York è stata una maratona ad ottimo livello ma anche una dieci giorni di esplorazione della metropoli e degli stili di vita: dai grattacieli gelidi di Manhattan alla cui ombra s’ingrossano sacche di povertà ed emarginazione ai quartieri “malfamati” del Bronx o Harlem dove non c’è benessere ma si respira solidarietà.
Tito attraversa un periodo di problemi fisici (schiena) ma ha il carattere per rimettersi in gioco: ad aprile corre la maratonina di Prato in 1h06′, miglior tempo lombardo dell’anno. Ancora una città la cui ossatura industriale scricchiola in tempi di crisi, ancora una realtà da esplorare anche senza 12 ore di volo. Poi a scricchiolare è ancora la schiena, ma per i Campionati Italiani di Maratonina, il 31 maggio in casa a Polpenazze, sarebbe un delitto non essere pronti. Stringe i denti e si prepara sulle colline della Valtenesi, vista Garda: correndo si vive la natura. È 14° del Campionato Italiano, ancora miglior lombardo.
A giugno cerca e trova due vittorie in due corse a tappe: TourLaghi di Fraveggio e Tovel Running in Val di Non. Vincere e apprezzare la bellezza delle montagne trentine.
Torna alle gare che contano a settembre, ancora con un giro a tappe: “Le Colline di Napoli” è il tris che consacra Tito come atleta da grandi giri. Un’altra vittoria e un’altra full immersion nell’ambiente naturale e umano: Napoli è il verde di Capodimonte o dei Campi Flegrei, ma anche il degrado delle “Vele” di Scampia o delle cintura urbana cementificata. L’ultimo impegno sulla strada per New York è stata la Stralugano di domenica scorsa: 30 km per un assaggio di atmosfera internazionale. Tito è il primo degli umani, quinto alle spalle delle inarrivabili gazzelle africane. Primo Europeo in gara è una soddisfazione, si lotterà per un risultato analogo il 7 novembre, senza mai dimenticare di guardarsi intorno e scoprire un altro scorcio di mondo.

370 giorni…

nov 3, 2010   //   by admin   //   Blog  //  No Comments
Bedizzole e la strada per New York
10 ottobre 2010, Maratonina BedizzoleIl percorso che porta a correre una grande maratona passa spesso per una prova-test sulla mezza distanza. Io adoro muovermi in altre città per gareggiare e unire alla vicenda atletica quella di viaggio: non mi piace la mentalità dell’atletica “provinciale”, preferisco fare esperienze alte anche se diventa più difficile raccogliere successi di fronte ad avversari fortissimi. Bedizzole però, come alcune altre manifestazioni nel Bresciano, offre l’opportunità di gareggiare ad alto livello pur restando vicino casa e una gita al Lago di Garda è sempre gradevole. Ho scelto di mettermi alla prova nella “5 Castelli” di Bedizzole anche perché il percorso molto collinare ricalca il profilo altimetrico degli ultimi chilometri della New York City Marathon, quelli nel famoso Central Park, dove il 7 novembre voglio essere protagonista. Purtroppo a Bedizzole è stata una giornata “no”, ma non mi faccio scoraggiare: so che mi sto preparando con scrupolo e duramente e che la stanchezza ogni tanto gioca brutti scherzi.
Successi dell’anno e infortuni
Tito Tiberti: 26 settembre 2010, StraluganoVenivo da una serie di infortuni traumatici (caviglie) che hanno reso difficoltoso il mio 2009 atletico; nel finale di stagione mi ero risollevato con due maratone a buon livello (26° a Berlino, 40’000 partenti, e 37° a New York, 42’000 partenti). In entrambe i casi però il tempo finale (2h24′ e 2h26′) era stato appesantito dalla mancanza di fondo, di lunghi mesi dedicati espressamente alla maratona. Poi problemi di schiena mi hanno limitato nella preparazione invernale, ma da marzo 2010 gli eventi si sono incanalati nella giusta direzione: ho corso una mezza maratona a Prato in 1h06’55”, che è il miglior tempo lombardo fino ad oggi; mi sono confermato miglior lombardo nei Campionati Italiani di Maratonina sul percorso di casa a Polpenazze, dove sono stato 14° in chiave azzurra; ho vinto tutti i giri a tappe che ho disputato (Tour Laghi e Tovel Running in Trentino a giugno e – recentemente – Le Colline di Napoli); a metà settembre ho disputato un buon test sui 30km nella StraLugano internazionale, dove sono stato il miglior europeo al traguardo (5° classificato).
Viaggio
La corsa per me non è mai stata solo “coprire una data distanza nel minor tempo possibile”. Ho sempre cercato di dare alla mia attività un significato che andasse al di là dell’agonismo tout-court. Scelgo le gare perché si collocano bene nel mio percorso atletico, ma anche in base al luogo di svolgimento; cerco di conciliare la competizione con l’esperienza umana: il viaggio e la visita di luoghi nuovi e spesso ameni lasciano un’impronta nel carattere e la voglia di tornare a muoversi, mettersi in discussione e condividere racconti di vita vissuta. Ci sono poi certi siti di una tale bellezza naturalistica da rendere indimenticabile una competizione, immagini che restano negli occhi e nel cuore e che cancellano la fatica. La fatica stessa porta con sé un’importante lezione di vita.
Maratona di New York
Il 7 novembre prossimo saranno passati 370 giorni dal mio debutto nella maratona della Grande Mela. Lo scorso anno fu un’esperienza irripetibile: andai con grosse ambizioni agonistiche e da solo, poiché il mio compagno di viaggio designato s’infortunò a poche settimane dalla partenza. Poi a New York ebbi modo di conoscere molti uomini (esseri umani) ed atleti, ciascuno con la propria storia e con qualcosa da insegnare. Torno per l’edizione 2010 con le stesse ambizioni agonistiche, ma conoscendo il percorso e avendo assaporato il clima di una delle gare più prestigiose al mondo. Io non rimasi soddisfatto dal mio 37° posto perché so che posso legittimamente ambire ai primi 20 posti, ma scoprire che dietro di me c’erano oltre 40’000 storie è qualcosa di estremamente gratificante. Anche leggere, miglio dopo miglio, i volti delle migliaia di persone assiepate sul percorso a fare il tifo per tutti è qualcosa di unico, che nella vita di una persona non dovrebbe mancare. Fred Lebow, “mitico” allenatore e ideatore della maratona di New York, lo aveva capito e scrisse: “Un qualsiasi corridore non può sognare di diventare campione olimpico, ma può sognare di portare a termine una maratona”.
Sfogliando il mio diario di viaggio, leggo: “New York non è un luogo, è un’aspirazione. E’ la città moderna, è la città senza storia. E’ la maratona. E’ Ground Zero? E’ la capitale “morale” del mondo occidentale? Forse La Mecca dei tecnocrati. Io ci andrò per capire. Intanto continuo a correre la mia vita”.
La fatica
Faticare è un modo per mettersi alla prova, per avvicinarsi ai propri limiti e per conoscere il proprio corpo e la caparbietà della propria mente. Si corre con le gambe, ma anche con la “testa”. La fatica, specie se condivisa con qualcuno, insegna a rispettare il lavoro altrui e a solidarizzare, fa assaggiare un pizzico di sofferenza cui culturalmente non siamo più abituati, dà il tempo per riflettere su noi stessi e sulle nostre azioni per collocarci in maniera appropriata nel mondo. Certo, sono lezioni che non s’imparano finché corriamo solo per battere l’avversario. Quando si è invece sereni con se stessi, si trova lo spazio per trarre soddisfazioni diverse dalla corsa: la sfida è principalmente contro se stessi, la lotta con l’avversario diventa una componente importante ma ludica, dopo il traguardo c’è sempre un sorriso…
C’è il desiderio di dare un senso sociale alla propria attività, sfruttare la propria immagine – per quanto valga poco in un mondo sportivo dominato dal calcio, anche a livelli infimi – per veicolare un messaggio. Per questo motivo, ora che sto cercando supporto per la mia prossima esperienza nella Maratona di New York, comunico a tutti i potenziali sponsor l’intenzione di donare parte dei proventi a favore di iniziative a carattere umanitario. Sulla mia maglia a New York ci sarà: “I run for Amani”: Amani è un’associazione, ma anche la parola “pace” in kiswahili.

Quote #8

I like running because it's a challenge. If you run hard, there's the pain -and you've got to work your way through the pain. You know, lately it seems all you hear is 'Don't overdo it' and 'Don't push yourself.' Well, I think that's a lot of bull. If you push the human body, it will respond. (Bob Clarke)